VERDI EUROPEI INTERROGANO COMMISSIONE UE PER VIOLAZIONE DIRITTO DI SOGGIORNO DEI CITTADINI UE DA PARTE DEL BELGIO

Posted in Comunicati Stampa, Green Italia.

imagesI Verdi europei hanno presentato un’interrogazione parlamentare, a firma di Philippe Lamberts, alla Commissione Ue riguardo alla violazione da parte del Belgio della direttiva 2004/38, che disciplina il diritto di libera circolazione e di soggiorno dei cittadini dell’UE, e del regolamento 883/2004, sull’accesso alla sicurezza sociale per i cittadini mobili e migranti. L’interrogazione prende spunto dal caso di un lavoratore cittadino europeo (nei dettagli già segnalato alla Commissione dai sindacati italiani e belgi), che, dopo 24 anni di carriera, è stato allontanato dal territorio del Belgio, sulla base di un’interpretazione dubbia dell’art. 7.3 della direttiva europea 2004/38.

LETTERA VERDI UE A COMMISSARI PER CONCORRENZA E MERCATO INTERNO, ITALIA REGALA MLD A CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI IN CONTRASTO CON LEGGI UE

Posted in Comunicati Stampa, Green Italia.

sblocca-cantieri-strade-renziMonica Frassoni, Presidente dei Verdi europei, Anna Donati, esponente di Green Italia-Verdi Europei e gli eurodeputati ecologisti Ernest Urtasun (ES), Margrete Auken (DK) e Pascal Durand (FR), hanno presentato oggi un dossier alle Commissarie Ue per la concorrenza, Margrethe Vestager, e per il mercato interno, Elzbieta Bienkowska, per denunciare possibili aiuti di Stato e altri vantaggi da parte del governo italiano nei confronti di numerose concessionarie autostradali, attraverso defiscalizzazioni e proroghe delle scadenze delle concessioni accordate con lo Sblocca Italia. Si tratta di pratiche in contrasto con la normativa comunitaria, che prevede di rimettere a gara l’assegnazione delle concessioni una volta che queste sono scadute. Poiché nello Sblocca Italia si prevede che prima di concedere tali vantaggi, sia necessario il parere delle autorità europee, l’obiettivo di questa iniziativa è di chiedere alla Commissione di non autorizzare questa evidente violazione delle regole vigenti, che peserebbe in modo considerevole sul bilancio pubblico italiano.

RITIRO DIRETTIVE SU ARIA E RIFIUTI E’ AD USO E CONSUMO DI LOBBY. ANNUNCIO DI MISURE DIVERSE E’ MINACCIA AD AMBIENTE E TUTELA DELLA SALUTE

Posted in Comunicati Stampa, Green Italia.

estate1“Mai ci saremmo aspettati di dover rimpiangere Barroso, ma oggi la Commissione Europea ha toccato il fondo: il ritiro delle direttive sul ‘pacchetto aria’ e sull’economia circolare annunciato dal vicepresidente Timmermans è una decisione ad uso e consumo di lobby e blocchi di potere economici che vogliono produrre secondo vecchi logiche, voltando le spalle al processo di innovazione garantito dalla green economy. L’annuncio di presenta nuove direttive suona come una minaccia all’ambiente e alla salute dei cittadini europei”.

Lo dichiarano Monica Frassoni (Copresidente del Partito Verde europeo) e Francesco Ferrante, esponenti di Green Italia.

JUNCKER CAMUFFA ATTACCO A TUTELA DELL’AMBIENTE CON ALLEGGERIMENTO BUROCRATICO

Posted in Comunicati Stampa, Green Italia.

UnknownCOMMISSIONE UE; FRASSONI E FERRANTE (GREEN ITALIA): JUNCKER CAMUFFA ATTACCO A TUTELA DELL’AMBIENTE CON ALLEGGERIMENTO BUROCRATICO. NELLA STANZA DEI BOTTONI COMANDANO LE LOBBY. PSE IN EUROPARLAMENTO FACCIA VEDERE DA CHE PARTE STA.

“È semplicemente indecente l’intento della Commissione Ue guidata da Juncker di cancellare dal proprio programma le nuove direttive sulla qualità dell’aria e sul riciclo dei rifiuti, camuffando l’operazione come opera di alleggerimento burocratico. La regia, nemmeno troppo occulta, di questo attacco frontale alla tutela dell’ambiente e della salute è la variegata lobby che si muove dentro la stanza dei bottoni della Commissione, interessata non a rendere più fluida la legislazione europea, ma a facilitare vecchie consuetudini e vecchi modi di fare impresa”.

MANIFESTAZIONE PROTEZIONE CANI RANDAGI IN ROMANIA: SERVE LEGISLAZIONE UE PER PROTEZIONE ANIMALI DA COMPAGNIA

Posted in Comunicati Stampa, Green Italia.

news_img1_67019_randagismoDa decenni in Romania i cani randagi vengono eliminati, torturati o lasciati morire in canili lager. Le legislazioni che si sono susseguite continuano a permettere l’eliminazione violenta, invece di promuovere elevati standard di politiche di protezione e benessere degli animali, l’Ue deve ora fare la sua parte.

“La Romania vuole ridurre il numero di cani e gatti randagi uccidendoli: una politica inaccettabile che, peraltro, non solo non dà i risultati sperati, ma non è nemmeno economicamente vantaggiosa. – dichiarano Edoardo Gandini e Monica Frassoni, esponenti di Green Italia – Solo Bucarest tra il 2001 ed il 2007 ha speso circa 9mln di euro per uccidere 144.000 cani (una media di €62 per cane), mentre la semplice sterilizzazione sarebbe costata tra i 20 ed i 25 euro per animale. Come in tutto il resto del mondo, l’abbattimento dei cani si dimostra essere una soluzione inefficace oltre che disumana.”

MAFIA CAPITALE: APPELLO VERDI A RENZI, “RIDURRE TEMPI PER LA CONFISCA DEL MALTOLTO”

Posted in Uncategorized.

IMG_7215“Lanciamo un appello al Presidente del Consiglio Matteo Renzi: nel Consiglio dei ministri di domani, nel provvedimento anti corruzione oltre ad una norma per un immediato uso dei 200 milioni sequestrati alla cupola di Mafia Capitale ne va inserita una che consenta di ridurre notevolmente i tempi per la confisca dei beni sequestrati a criminali e corrotti”. Lo chiedono i coportavoce dei Verdi Angelo Bonelli e Luana Zanella che oggi in piazza del Pantheon hanno presentato una petizione per utilizzare le risorse sequestrate alla cupola per affrontare le emergenze con cui tutti i giorni i cittadini della capitale devono confrontarsi.Copia di IMG_2670

ADDIO A SOUTH STREAM: L’OPPORTUNITA’ PER UN CAMBIO DI ROTTA E INVESTIRE IN EFFICIENZA ENERGETICA

Posted in Comunicati Stampa.

imagesLa rinuncia di Mosca al supergasdotto South Stream a seguito della posizione “non costruttiva” della Commissione Europea puó rappresentare solo un’opportunità per incrementare l’indipendenza energetica dell’UE. Il progetto di €16 miliardi avrebbe portato alla costruzione di un gasdotto di 3.600 km per collegare la Russia e l’UE senza passare dall’Ucraina, ma mantenendo ancora l’UE sotto il suo spettro d’influenza energetica e politica.

SENTENZA CORTE UE SU RIFIUTI. INGENTI RISORSE PUBBLICHE BUTTATE IN DISCARICA

Posted in Comunicati Stampa, Green Italia.

imagesL’Italia non ha eseguito la sentenza del 2007 della Corte di giustizia dell’Unione europea, che ne constatava l’inadempimento a diverse direttive sui rifiuti[1] ed è stata così oggi condannata a pesanti sanzioni pecuniarie che prevedono il versamento di oltre 40 milioni ogni sei mesi fino all’esecuzione della sentenza. 

“In un contesto nel quale trovare risorse e destinarle all’uscita dalla crisi è sempre più difficile, il sistematico e pessimo uso dei fondi europei è inaccettabile – dichiara Monica Frassoni, co-presidente del Partito Verde Europeo e coordinatrice di Green Italia – come inaccettabile è che una procedura iniziata su nostra iniziativa nel lontanissimo 2007 non abbia trovato alcuno sbocco reale, neanche in prospettiva. Se l’Ue dopo anni di tentativi, riunioni, promesse, si è risolta a questa decisione, significa che non ha trovato alcun appiglio, né a livello regionale, né a livello nazionale. È questo un reale furto di risorse che dovrebbero essere destinate a un territorio ferito che merita tutt’altra attenzione.”